Le 5 domande più richieste nel web sull'Akita

Pubblicato il 27/10/2018 da Ceppo Rosso

«Molte persone cercano "Akita bianco", "nero" e "tigrato". Quali sono i colori dello Standard dell'Akita? Qual è il carattere dell'Akita? E' difficile addestrarlo? E possibile farlo in autonomia? Esiste l'"Akita americano" e quello "giapponese". Quali sono le differenze? Quali sono i consigli da seguire prima prima di cercare "Akita vendita"? Quali sono i prezzi di un cucciolo di Akita? E' possibile trovarlo in regalo?»

Categorie: Allevatori, Akita Inu

Allevatori,Akita Inu: Le 5 domande più richieste nel web sull'Akita

Molte persone cercano "Akita Inu bianco", "nero" e "tigrato". Quali sono i colori richiesti dallo Standard della razza?


Lo Standard FCI prevede quattro colorazioni per il mantello dell’Akita: fulvo, bianco, sesamo e tigrato. Tutte le colorazioni, escluso ovviamente il bianco, devono presentare un definito urajiro, cioè la parte bianca che si deve estendere sulle guance sul petto, all’interno delle zampe, sotto l’addome e nella parte interna della coda. C’è da precisare che la colorazione sesamo è praticamente estinta e la carbonatura, che alcuni soggetti presentano sulla groppa, non deve intendersi quale colorazione sesamo che prevederebbe il mantello fulvo con tutte le punte nere e non circoscritte ad una sola zona del corpo.

Allevamento Akita Fukushu No Kensha

Qual è il carattere dell'Akita Inu?

Il carattere dell’Akita è piuttosto peculiare. Un cane estremamente fedele ma comunque poco incline al comando e all’addestramento. Testardo e schivo, indipendente e fiero, non pende dalle labbra del proprietario sebbene costruisca con lo stesso un legame profondissimo che manifesta in maniera atipica, poco incline allo scodinzolio costante, presente, con discrezione, in ogni momento. Proprio per la sua testardaggine è consigliabile, per chi non avesse esperienza con la gestione di un cane forte e territoriale, di approcciare alla razza scegliendo come compagna di vita una femminuccia, naturalmente più docile. Importantissimo da tenere a mente è che un Akita non convive, di norma, con cani del medesimo sesso, mentre accetta di buon grado la convivenza con i gatti.

Allevamento Akita Fukushu No Kensha

L'Akita è una razza addestrabile? È possibile addestrarlo in autonomia?

Essendo un Akita un cane, è condizionabile quindi addestrabile, ma non essendo un cane propriamente “da lavoro” l’addestramento non gli si addice. Se con la parola “addestramento” ci si riferisce all’educazione, è fondamentale dire che un cucciolo ben selezionato avrà tempra e carattere tali da essere un ottimo ed equilibrato cane e , con la guida del suo buon allevatore, sarà estremamente semplice renderlo un buon compagno di vita. Ancora, se questo “addestramento” mira a rendere un Akita cane da branco, o a portarlo libero senza guinzaglio, o ad altere attività che non rientrano nella indole della 

Allevamento Akita Fukushu No Kensha

razza e che non sono contemplate nella sua memoria, verosimilmente sarà un addestramento che porterà frutti sino, circa, ai  18 mesi d’età del cucciolone, manifestando, poi, maturata la sua forza interiore, assoluta refrattarietà a determinati comandi, come il richiamo, e altre attività.

Che differenze ci sono tra l'"Akita americano" e quello "giapponese"?

L’Akita e l’Akita americano sono due razze assolutamente diverse. Il primo è un cane di origine antichissima ed è senza dubbio uno spitz giapponese, il secondo nasce a seguito della presenza degli americani in Giappone durante la Grande Guerra, con l’incrocio di molossi e Pastori Tedeschi con gli indigeni Akita. Gli Akita americani, la cui razza è stata standardizzata solo una ventina di anni fa, poco conservano in comune con gli, ormai, lontani cugini giapponesi, avendo una mole e una costruzione diversa, ma anche, cosa evidente ad un occhio meno esperto, colorazioni e mantelli totalmente diversi. 

Allevamento Akita Fukushu No Kensha


Quali sono i consigli da seguire prima prima di cercare "Akita vendita"? Quali sono i prezzi? E' possibile trovarlo in regalo? 

Esattamente come per tutte le razze, il prezzo a cui viene venduto un cucciolo di Akita dipende da molteplici fattori. In primis, di certo, domanda ed offerta. Negli scorsi anni, essendo stata molta alta la domanda i prezzi sono lievitati notevolmente. Anche l’area geografica incide non poco, essendo i cuccioli al nord venduti a prezzo più elevato rispetto ai cuccioli del sud Italia, probabilmente essendo gli acquirenti meglio disposti a spendere cifre più alte. In questo momento storico, la razza è un po in balia di tante persone che si improvvisano e avendo una cagnolina in casa decidono di riprodurla senza molte competenze allevatoriali.

Allevamento Akita Fukushu No Kensha

Di qui l’esorbitante crescita numerica di cuccioli immessi sul mercato, che diventato sempre più concorrenziale, tende a diventare più accessibile. Il prezzo di un cucciolo Akita varia tra i 1000,00 e i 5000,00 euro circa, e le ragioni che incidono sul prezzo non sempre sono fondate sulla qualità oggettiva della selezione fatta a monte. Nell’acquisto di un cucciolo è fondamentale affidarsi a professionisti o anche a privati che, però si appoggino alla guida di un allevatore di esperienza e che sappiano, quindi, esattamente quali scelte hanno operato nella valutazione dei riproduttori, del loro stato di salute, della loro tempra e della loro correttezza morfologica. Come per tutte le razze, l’allevamento di un cucciolo costa danaro e lavoro, dunque difficilmente lo si potrà trovare in regalo, sebbene, comunque, non sia impossibile.

Francesco Fazio e Marinella Arminio
Allevatori
All.to Fukushu No Kensha akita-fukushunokensha.it/

Cerchi un cucciolo di Akita Inu?

  • Trovalo fra i cuccioli di Akita Inu pubblicati da allevamenti selezionati
  • Consulta l'elenco di allevamenti selezionati di Akita Inu e prenota un cucciolo
  • Scopri tutte le caratteristiche del Akita Inu

Commenta questo articolo: