Presentazione morfologica del Dalmata e caratteristiche

Pubblicato il 03/10/2021 da Isabella Milani

«Il Dalmata è prettamente un cane da compagnia che potrebbe comunque essere addestrato per diversi scopi. La sua storia è ancora da definire. E' una razza molto elegante con un carattere particolarmente gioioso e giocoso. E' adatto alla famiglia.»

Categorie: Allevatori, Dalmata

Allevatori,Dalmata: Presentazione morfologica del Dalmata e caratteristiche

Articolo a cura di Cesare Filippelli, allevatore di Dalmata e intestatario dell'affisso MondoDalmata riconosciuto ENCI/FCI e Master Allevatore ENCI 2012.

Presentazione della razza Dalmata

ORIGINE: Dalmazia, Repubblica Croata
PATROCINIO: FCI
DATA DI PUBBLICAZIONE: 14 Giugno 1999
UTILIZZO: Cane da compagnia, per la famiglia; facile da addestrare per vari scopi.
CLASSIFICAZIONE DELLA FCI: Gruppo 6° (segugi, cani per pista di sangue, razze affini) - Sezione 3 (razze affini). Senza prove di lavoro.

BREVE RIASSUNTO STORICO: L’origine dei Dalmata é tuttora oscura, si é fermi a delle supposizioni. 

Dalle pitture scoperte nelle tombe dei faraoni egizi e dalle pitture dei XVI-XVIII secolo, si può supporre che il Dalmata esiste da alcune migliaia di anni. Cronache ecclesiastiche del XIV secolo e dell'anno 1719 possono farci concludere che la razza ha avuto origine nel Bacino del Mediterraneo e in particolare nelle vicinanze della costa dalmata. Le prime indicazioni sono state trovate in dipinti di pittori italiani dei XVI secolo e in un affresco a Zaostrog (Dalmazia) che può essere datato approssimativamente anno 1710. Un' opera di Thomas Bewick. pubblicata nel 1792, contiene la descrizione ed il disegno di un Dalmata, che Bewick chiama "Il Dalmata o cane da carrozza". Il primo Standard dei Dalmata é stato redatto nel 1882 da un inglese di nome Vero Shaw. Questo standard é stato incorporato allo standard ufficiale nel 1890.

ASPETTO GENERALE: E' un cane ben proporzionato e dal caratteristico mantello a macchie, é forte, muscoloso e attivo. Simmetrico nelle linee, non é né pesante né grossolano, e come "cane da carrozza", é capace di molta resistenza e buona velocità.
IMPORTANTI PROPORZIONI: il rapporto tra lunghezza del corpo e l'altezza al garrese é 10:9; il rapporto tra la lunghezza del cranio e quella del muso é di 1:1.

COMPORTAMENTO/TEMPERAMENTO: Aperto e socievole, mai timido o diffidente, né pauroso o aggressivo.
TESTA: Di buona lunghezza.
CRANIO: Piatto, più largo tra le orecchie, temporali ben definiti. Interamente privo di rughe.
STOP: Moderatamente accentuato.
NASO: Tartufo sempre nero nella varietà a macchie nere, sempre marrone nella varietà fegato.

MUSO: Lungo, potente, mai appuntito. Canna nasale dritta e parallela alla linea superiore del cranio.

LABBRA: Asciutte e ben aderenti alla mascella, non pendenti. Una completa pigmentazione é desiderata.
BOCCA/DENTI: Mascelle forti con una perfetta e regolare chiusura a forbice, cioè i denti superiori chiudono appoggiandosi a quelli inferiori. E' preferibile una serie completa di 42 denti. I denti sono ben proporzionati e bianchi.
OCCHI: Moderatamente distanziati tra loro, di media grandezza, rotondi, vivi e brillanti, con l'espressione intelligente. Di colore scuro nei cani con macchie nere, da marrone chiaro fino all’ambra nei cani con macchie fegato. 

Il contorno degli occhi é completamente nero nella varietà nera e completamente marrone nella varietà a macchie fegato
ORECCHIE: Inserite piuttosto alte, di grandezza moderata, piuttosto larghe alla base. Portate aderenti alla testa, si restringono gradatamente fino a terminare in una punta arrotondata. Di tessitura sottile e fine, preferibilmente maculate.
COLLO: Moderatamente lungo, ben arcuato, che si restringe verso la testa, interamente privo di giogaia.

TRONCO:
GARRESE
: Ben definito.
POSTERIORE: Potente, bilanciato.
RENI: Puliti, muscolosi e leggermente arcuati.
GROPPA: leggermente inclinata.
TORACE: Non troppo largo, ma profondo e capace. Dovrebbe arrivare ai gomiti. Avampetto ben visibile di profilo. Costole ben proporzionate, lunghe, ben curvate, mai piatte, a botte o malformate. 
FIANCHI: Stretti.
LINEA INFERIORE: Ventre che si restringe verso i reni.
CODA: Arriva all'incirca al garretto. Forte alla base, si assottiglia gradualmente verso l'estremità; mai grossolana. Inserita né troppo alta né troppo bassa. Portata leggermente curvata verso l'alto, ma mai ad anello. Preferibilmente macchiata.

ARTI:
ANTERIORE: Le zampe anteriori sono perfettamente diritte, forti e di buona ossatura.
SPALLE: Moderatamente oblique, pulite e muscolose.
GOMITI: Ben aderenti al corpo, mai girati all'interno o all'esterno.
ARTICOLAZIONI DEL CARPO: Forti, ed elastiche.
POSTERIORE: Rotondo, muscoloso, pulito. Viste da dietro le zampe posteriori sono parallele.
GRASSELLA: Ben tesa.
COSCE: Forti.
GARRETTI: Forti, ben inclinati.
PIEDI: Rotondi, compatti, con dita ben arcuate (piede da gatto). Cuscinetti tondi, duri ed elastici. Unghie nere o bianche nella varietà a macchie nere, nella varietà fegato marroni o bianche.
ANDATURA: Grande libertà di movimento. Azione fluida, potente, ritmica con passo lungo e buona spinta del posteriore. Viste da dietro le zampe si muovono parallele, le posteriori sulle orme delle anteriori. Un passo corto o disordinato non é corretto.
COLORE MANTELLO: Il colore del fondo é bianco puro. La varietà nera ha macchie di un nero intenso, quella fegato ha macchie color marrone fegato; non sono sovrapposte ma rotonde, ben definite e distribuite nel miglior modo possibile. Misurano 2-3 cm di diametro. Le macchie sulla testa, sulla coda e sulle estremità sono più piccole di quelle del corpo.
PESO: L'equilibrio generale é della massima importanza. Altezza per i maschi: 56-61 cm. Altezza per le femmine 54-59 cm. Peso per i maschi circa 27-32 kg; peso per le femmine circa 24-29 kg.
DIFETTI: Qualsiasi discordanza can i punti descritti deve essere considerata difetto, da valutare in relazione alla sua gravità. Sfumature bronzo (scolorimento momentaneo delle macchie nere che assumono il colore bronzo).
DIFETTI DA SQUALIFICA: Prognatismo enognatismo; ectropion, entropion, eterocromia dell'iride; occhio azzurro; sordità; chiazza limitata intorno all'occhio (monocolo) o in un altro punto dei corpo; tricolore (macchie nere e fegato sullo stesso cane); color limone (macchie limone o arancio); carattere molto timido o aggressivo.
N.B.: I maschi devono avere due testicoli dall'aspetto normale ben discesi nello scroto.
RACCOMANDAZIONI: Al fine di diminuire l'incidenza della sordità nel Dalmata (20-30%) i Dalmata sordi ad entrambi i lati e quelli con occhi celesti dovrebbero essere scartati dalla riproduzione, idealmente anche quelli sordi unilaterali. I cani con chiazze limitate intorno agli occhi (monocolo) o in altro punto del corpo dovrebbero essere utilizzati in allevamento. Cani con lo scroto pigmentato dovrebbero essere preferiti.

Cerchi un cucciolo di Dalmata?

  • Trovalo fra i cuccioli di Dalmata pubblicati da allevamenti selezionati
  • Consulta l'elenco di allevamenti selezionati di Dalmata e prenota un cucciolo
  • Scopri tutte le caratteristiche del Dalmata

Commenta questo articolo:

Ti potrebbe interessare: