Il primo giorno a casa col cucciolo: cosa fare e cosa non fare

Pubblicato il 18/09/2020 da Manuela Veterinaria

«E' importante gestire correttamente il primo giorno a casa col cucciolo: influirà sulla sua educazione futura.»

Categorie: Veterinari, cani, Bisogno di esercizio, Carattere e socialità

Veterinari,cani,Bisogno di esercizio,Carattere e socialità: Il primo giorno a casa col cucciolo: cosa fare e cosa non fare

Sembra una banalità, ma istruire i proprietari su come gestire il cucciolo il primo giorno a casa è fondamentale. Molti proprietari sono alle prime esperienze coi cani, non hanno bene idea di cosa debbano fare e di cosa non debbano fare, spesso non si sono documentati correttamente o si basano su dicerie popolari ed ecco che gli errori educativi iniziano proprio sin dal primo giorno. 

Sommario:

Preparazione della casa a misura di cucciolo

Bouledogue francese cucciolo

Prima ancora di far entrare il cucciolo in casa, i proprietari dovrebbero essersi procurati tutto il necessario. 

Se questo con cuccioli regalati o presi in canile sulla spinta emozionale del momento a volte non accade perché l'arrivo del cucciolo è troppo improvviso, con cuccioli presi in allevamento non dovrebbe accadere in quanto tutto è programmato e c'è tutto il tempo del mondo per prepararsi. Il che vuol dire che in casa dovrebbero essere già presenti:

  • cuccia allestita in zona apposita 
  • zona pappa accessoriata con ciotola per l'acqua e ciotola per il cibo
  • traversina per far fare temporaneamente i bisogni al cane in casa fino a quando non verrà educato a farla in passeggiata e le vaccinazioni siano sufficientemente protettive
  • cibo: chiedere all'allevatore cosa mangiava prima in modo da acquistare la stessa marca di cibo commerciale o preparare lo stesso cibo casalingo per evitare bruschi cambi di alimentazione con conseguente vomito e diarrea
  • giocattoli a misura del cucciolo
  • prodotti per la pulizia del cane
  • collare/pettorina e guinzaglio
  • eventuale cappottino se lo abbiamo preso durante i mesi più freddi dell'anno
  • mettere in sicurezza la casa: se ci sono scale pericolose, adottate gli appositi cancelletti da interni, mettete al riparo cavi e fili, togliete i tappeti da casa in modo che non li scambi per traversine, eliminate ogni possibile pericolo (ivi incluse piante tossiche che potrebbero essere accidentalmente ingerite e chiudete bene negli armadietti detergenti e detersivi)

Cosa fare prima di entrare in casa

Quello che solitamente tutti fanno è prelevare il cucciolo dalle mani dell'allevatore e scaraventarlo subito in casa. In realtà gli educatori suggeriscono un approccio leggermente diverso.

Labrador retriever cucciolo

Dopo aver preso il cane in allevamento, se possibile, prima di farlo entrare in casa, fategli fare una passeggiatina intorno a casa. Questo ovviamente sarà possibile solamente se nella vostra zona non transitano cani sconosciuti di cui non conoscete le condizioni di salute e questo perché il cucciolo, a 2-3 mesi, non avrà ancora completato il piano vaccinale.

Se possibile, questa passeggiata servirà a far fare conoscenza al cucciolo con i dintorni di casa e servirà anche a stancarlo un pochino in modo che non sia iper eccitato quando entra nella nuova casa.

Modalità di accesso alla casa e alle stanze interne

La passeggiata terminerà di fronte alla porta di casa. Anche qui gli educatori suggeriscono un approccio differente a quello che invece succede di solito. Tendenzialmente, quando il nuovo proprietario porta il cane in casa, lo prende in braccio, varca la soglia di casa e tutto il resto della famiglia si getta festante sul nuovo cucciolo. Il quale, bene che vada, sarà iper eccitato da tutte queste attenzioni, mal che vada sarà terrorizzato da quei perfetti sconosciuti che se lo passano di braccio in braccio facendogli moine che al momento lui non gradisce.

Ecco, questo approccio sarebbe bene evitarlo. Per garantire un minimo di serenità al nuovo cucciolo che, ricordiamo, è stato staccato dalla madre e dai fratellini e si trova di punto in bianco in mezzo a sconosciuti e in un ambiente che non conosce, con odori e rumori insoliti, fermatevi con lui sulla soglia di casa. A questo punto aprite la porta, entrate voi per primi e solo ora invitate il cucciolo (che avrete preventivamente legato al guinzaglio onde evitare che scappi da tutte le parti) a entrare.

E' un modo per segnalare al cucciolo che voi siete il leader del suo nuovo branco di appartenenza e lo farete sentire più sicuro.

Adesso arriva la parte più difficile: resistere alla tentazione di gettarsi sul cane e tenerlo in braccio tutto il giorno. Fate in modo che il resto della famiglia contenga il proprio entusiasmo e assecondate il desiderio di esplorazione del cucciolo facendogli conoscere una stanza per volta della casa. Dovrete sempre avere l'accortezza di entrare voi per primi nella stanza e invitare il cucciolo a esplorarla.

Come comportarsi col cucciolo il primo giorno

Carlino cucciolo

Ad un certo punto, il cucciolo arriverà nella stanza in cui avrete predisposto la cuccia. Se la nota e la esamina da solo, bene, altrimenti conducetelo voi perso la cuccia e lasciatelo libero di esplorarla quanto vuole.

Le ciotole del cibo e dell'acqua saranno non eccessivamente distanti, così come la traversina. Quest'ultima non deve essere troppo vicina alla cuccia perché a nessun animale piace sporcare dove dorme o mangia, ma non deve essere neanche troppo distante che il cucciolo non ce la faccia ad arrivarci. Se durante tutta questa fase esplorativa il cucciolo ha manifestato l'intenzione di fare i bisogni (si agita nervosamente, gira in tondo come se cercasse qualcosa...), portatelo subito sulla traversina e se fa i bisogni qui, elogiatelo, fategli mille complimenti e dategli un premietto. Nel caso la facesse in giro e non ve ne siate accorti in tempo, non sgridatelo, ma quando non vi vede raccogliete le urine e le feci e posizionatele sulla traversina in modo che quell'angolo cominci ad avere l'odore giusto. Considerate poi che i cuccioli tendono a sporcare quando si svegliano o dopo aver mangiato.

Nel frattempo sarà giunta l'ora della pappa, meglio dargli sane abitudini sin da adesso. Anche se sarà troppo piccolo per fare il Seduto e il Resta dategli la ciotola con il cibo quando sarà più o meno seduto e tranquillo, lasciategliela per 10-15 minuti (ma i cuccioli sono famelici di solito e tendono a mangiare tutto voracemente) e poi togliete la ciotola in modo che impari sin da subito che si mangia a orari precisi, quello che dite voi e quando lo dite voi, non quello che vuole lui e quando lo dice lui.

Ovviamente questo è un consiglio generico che va adattato di volta in volta a seconda dell'indole del cane. Se questo sistema può andare bene con un vorace cucciolo di Labrador Retriever, con uno schizzinoso cucciolo di Chihuahua potrebbe esserci qualche problema in più.

Come comportarsi col cucciolo la prima notte

Esplorazione finita, pappa fatta, arriviamo a sera e dovrete prepararvi per mettere il cucciolo a letto.

Beagle cucciolo

Ci sono cuccioli che si adattano bene a dormire da soli nella loro cuccia (appositamente attrezzata con una maglia col vostro odore o con un peluche), altri che appena vengono lasciati soli cominciano ad ululare.

Da un certo punto di vista possiamo capirli: sono stati abituati fino a poche ore prima a dormire in gruppo con mamma e fratelli e adesso sono da soli, quindi ululano per chiamarvi e vedere se arriva qualcuno. Ora, se risponderete a questo richiamo accorrendo da lui ogni volta che ulula, il cane imparerà che ogni volta che piange qualcuno corre da lui, quindi ululerà sempre di più. Da evitare anche di dormire accanto a lui sul divano: non capirà perché lo fate solo una sera e pretenderà che dormiate sempre con lui sul divano.

Soprattutto le prime notti, si può cercare di adottare una via intermedia. Se è sbagliato accorrere quando il cane chiama e portarlo con sé in camera (secondo voi la notte dopo cosa farà?), nulla vi vieta di decidere sin da subito che il cane dormirà in camera con voi. Ma attenzione: non sul letto, bensì in una cuccia apposita a terra.

La prima sera potrebbe essere necessario per evitare il brusco distacco dalla cucciolata, poi dalle sere successive, una volta che si sarà abituato al vostro odore, una maglia con vostro odore e una cuccia posta in una zona riparata e tranquilla potrebbero aiutare. Ci sono cuccioli che, però, continuano a ululare anche le notti successive. L'unica è rassegnarsi, prendere dei tappi per le orecchie, chiedere scusa ai vicini di casa e aspettare qualche giorno/settimana: il cucciolo prima o poi si rassegna se vede che non correte da lui quando ulula e smetterà di farlo.

Cerchi un cucciolo di cane?

  • Trovalo fra i cuccioli di cane pubblicati da allevamenti selezionati
  • Consulta l'elenco di allevamenti selezionati di cani e prenota un cucciolo
  • Scopri tutte le caratteristiche del cane

Sei un Veterinario?

Vuoi approfondire le caratteristiche dei cani?

Commenta questo articolo:

Ti potrebbe interessare: